La ballata di Belzebù

by Margaret Lee

/
  • Streaming + Download

    Includes unlimited streaming via the free Bandcamp app, plus high-quality download in MP3, FLAC and more.

      €6.99 EUR  or more

     

  • Compact Disc (CD) + Digital Album

    Margaret Lee presenta: "La Ballata di Belzebù" 8 tracks album in Compact-Disc Digifile
    + digital full album (Includes: Booklet, Lyrics, Credits).
    ---
    Album di 8 tracce su CD, custodia in digifile + Digital download dell'album e (mp3, flac, wav ed altri).

    Includes unlimited streaming of La ballata di Belzebù via the free Bandcamp app, plus high-quality download in MP3, FLAC and more.
    ships out within 3 days
    2 remaining

      €10 EUR or more 

     

1.
2.
3.
4.
02:23
5.
06:18
6.
02:45
7.
02:55
8.

about

credits

released January 19, 2012

***
CREDITS:
In "Giuda o la notte della Luna vergine":
-1st voice: Roberto Pazzi
-2nd voice: Eugenio Squarcia
-3rd voice: Andrea Amaducci
-4th voice: Sergio Fortini
Intermezzo with melody harp, cello, english voice and other sounds: Esma.

All lyrics by Giacomo Marighelli=Margaret Lee
"L’illusionista" is loosely based on “L'ora del diavolo” by Fernando Pessoa
"Il pensatore" is loosely based on “Faust” by Fernando Pessoa
All songs by Giacomo Marighelli=Margaret Lee and Luca Martelli
Guitars, vocals and ravings: Giacomo Marighelli=Margaret Lee
Drums: Luca Martelli
Guitars recorded at AnimalHouse Studio in Ferrara by Fede Viola
Drums recorded at Gabbia by Luca Martelli
Vocals recorded at Giorgio Canali’s house by Canali Giorgio
Mixed and mastered by Francesco Felcini
Cover layout and design by Francesco Galeazzi
Produced by Giacomo Marighelli=Margaret Lee, Luca Martelli and Francesco Felcini.


Thanks to all partners and contributors above mentioned, Anja, the AnimalHouse studio, Eun Kyoung Kim for lyric voice, Nicoletta Cristofori, la signora del Porcelli, V. for acoustic guitar, Sergio Fortini, Marco Grazia and Zivago, Massimo Alì Mohammad, Pone Cione Ario, Betty, Arti Grafiche Cappelli, Andrea Guidetti, Gigi Battistini, Juan, Zia Flower, Happy Skeleton, all my dear friends and herb tea.

Luca is using UFIP cymbals.
---
In Giuda o la notte della Luna vergine:
-1a voce: Roberto Pazzi
-2a voce: Eugenio Squarcia
-3a voce: Andrea Amaducci
-4a voce: Sergio Fortini
Intermezzo con melody harp, violoncello, voce inglese e altri rumori: Esma.

Tutti i testi sono di Giacomo Marighelli=Margaret Lee
L'illusionista è liberamente tratto da “L'ora del diavolo” di Fernando Pessoa
Il pensatore è liberamente tratto dal “Faust” di Fernando Pessoa
Tutti i brani sono di Giacomo Marighelli=Margaret Lee e di Luca Martelli
Chitarre, voci e deliri: Giacomo Marighelli=Margaret Lee
Batterie: Luca Martelli
Chitarre registrate all'AnimalHouse Studio di Ferrara da Fede Viola
Batterie registrate nella Gabbia da Luca Martelli
Voci registrate in casa di Giorgio Canali da Canali Giorgio
Mixato e masterizzato da Francesco Felcini
Grafica di Francesco Galeazzi
Produzione artistica ed esecutiva Giacomo Marighelli=Margaret Lee, Luca Martelli e Francesco
Felcini.

Si ringrazia:
Tutti i partecipanti e collaboratori già citati, Anja, l'AnimalHouse studio, Eun Kyoung Kim per la
voce lirica, Nicoletta Cristofori, la signora del Porcelli, V. per la chitarra acustica, Sergio Fortini,
Marco Grazia e Zivago, Massimo Alì Mohammad, Pone Cione Ario, Betty, Arti Grafiche Cappelli,
Andrea Guidetti, Gigi Battistini, Juan, Zia Flower, Happy Skeleton, tutti i miei cari amici, le tisane.

Luca usa piatti UFIP

www.margaretlee.it
www.facebook.com/margaretlee.it

2012

VIDEOCLIP:
Il rimorso: youtu.be/o2APwjZksSo
Le streghe: youtu.be/Y42Qtf9tG6g
Il burattinaio: youtu.be/xJRZ8wv96_I

tags

license

all rights reserved

about

Margaret Lee Italy

Margaret Lee is an italian rock musical project by Giacomo Marighelli.

contact / help

Contact Margaret Lee

Streaming and
Download help

Track Name: La ballata di Belzebù
LYRICS:
Have ever danced with the devil in the pale full moon?
---
Hai mai danzato col diavolo nel pallido plenilunio?
Track Name: L'illusionista
LYRICS:
Oh you (may) think it’s so pleasing
to stay up here.
Emotionless, I found myself on this damned throne.
Oh you think it’s so amusing
to observe, to stare, to spy
with no chance to intervene.
I am the absolute negation, the incarnation of The Nothing.
What one desires and cannot have,
what one dreams because it cannot exist,
my vain reign is made of this
and in there lies the vacant throne, which was never given to me.
You think I’m so evil and wicked as people is used to say about me,
poets that had to defend me, turned me into a bootlicker instead
as happened in that village tragedy.
The problems troubling humanity are the same troubling the gods.
Who knows how many times you desired me.
I am the lunar master of all the dreams,
the solemn player of the silence.
I am used to corrupt, but I enlighten as well.
I am the oblivion of duties, the hesitation of all intentions.
I am not the spirit that denies, but the spirit that thwarts.
I am the one, against whom everything stands out.
I exist from the beginning of the globe, and since that moment
I have always been an ironist.
I am the King of imagination.
I am the King of illusion.
Who knows how many times you have desired me.
---
Oh credi (tu forse) sia così bello
dover stare qua su.
Privo di emozioni io mi ritrovo su questo dannato trono.
Oh credi sia così divertente
osservare, guardare, spiare
senza poter intervenire.
Sono la negazione assoluta, l’incarnazione del nulla.
Quello che si desidera e non si può avere,
quello che si sogna perché non può esistere,
di questo è costituito il mio regno nullo
e lì sta vacante il trono che non mi fu mai dato.
Tu credi che io sia così cattivo e malvagio come la gente mi definisce,
poeti che difendermi dovevano, invece mi han trasformato in un ruffiano
come in quella tragedia paesana.
I problemi che tormentano gli uomini sono gli stessi problemi che tormentano gli dèi.
Chissà quante volte pure tu mi hai desiderato.
Sono il maestro lunare di tutti i sogni,
il musicista solenne di tutti i silenzi.
Io corrompo ma illumino.
Sono l’oblio di tutti i doveri, l’esitazione di tutti i propositi.
Non sono lo spirito che nega, ma lo spirito che contraria.
Io sono quello a cui tutto si oppone.
Esisto dal principio del mondo, e da allora son sempre stato un ironista.
Io sono il Re dell’immaginazione.
Io sono il Re dell’illusione.
Chissà quante volte mi hai desiderato.
Track Name: Il burattinaio
LYRICS:
You shatter time, fooling in the wrong way.
You wound and create delirium, you drive everyone mad.
You’re the devil of humanity,
the genetic sister,
with ballads you deceive, as with coarse words,
burning all the other thoughts in me.
You make me fly, like an idiot,
you enjoy in this way to make fun of me.
You enjoy to set traps for weak minds.
You enjoy to get embarrassed in front of certain realities.
I am the puppet and you are the puppeteer.
I’m not a puppet, you are the illusionist!
You appear in dreams, in the most perverted dreams
This is what I just wanted to say to you: “I hate you.”
---
Laceri il tempo, ingannando in modo errato.
Ferisci crei deliri, fai impazzire tutti quanti.
Non sei altro che il satana degli uomini,
la sorella genetica,
con canti illudi e parole volgari,
bruciando immè tutti gli altri pensieri.
Mi fai volare, come un idiota,
ti diverti così a prenderti gioco di me.
Ti diverti a insidiare le menti deboli
Ti diverti ad imbarazzarti di fronte a certe realtà
Io sono una marionetta e tu sei il burattinaio
Non sono una marionetta, tu sei l’illusionista!
Compari nei sogni, nei sogni più perversi
E proprio per questo volevo dirti: “Ti odio.”.
Track Name: Il nano
LYRICS:
Poor and tasty
As his fame tells as well
He can’t do well with women
He fucks everything up.
With sweat he cleans himself
And he was changing his teeth
His miserable life
He found his self in a body of dwarf.
He can’t do well with women
He looks for, he looks for someone to call
For homemade advices
So to sort out life
Plunged into a spit spittle.
A deeply ugly woman
Used to look at him
He could give her true love
But he asked for life to the devil
To have all women upward.
All of them, drooling
Over a greedy and poor dwarf
Suddenly rich and full of women
He is losing control
He consumes the meanness of elegance
With drinks fame and burning sex
But not just one real woman
Thinks about loving him.
He ends up with no soul
And with no woman to love
Taken in by his own self he goes mad
Dying alone, forgotten by the only true love
He has ever had.
---
Povero e succulento
Di fama non di meno
Con le donne non ci sa fare
Sempre tutto manda a puttane.
Di sudore lui si lava
E i denti si cambiava
La sua vita da infelice
Il corpo da nano si era ritrovato.
Con le donne non ci sa fare
Pensa pensa a chi chiamare
Per consigli casalinghi
Così da risolvere la vita
In uno sputo di saliva.
Una donna troppo brutta
Lo considerava
Il vero amore lui le poteva donare
Ma al diavolo chiese vita
Per avere tutte le donne in salita.
Tutte a sbavare
Dietro un nano avido e povero
Di colpo ricco e pieno di donne
Il controllo va perdendo
Consuma il finito dell’elegante
In bere fama e sesso ardente
Ma neanche una vera donna
Ci pensa ad amarlo.
Senza anima lui rimane
E senza donne da amare
Fregato da lui stesso impazzisce
Morendo da solo, dimenticato dall’unico vero amore avuto.
Track Name: Il pensatore
LYRICS:
He looses himself into a frantic reading of books of knowledge
he has just one aim: to trace mystery.
Cheerfulness is a stupid insult.
To hear someone laugh, fills his bitter soul
“Oh poor man, as common as happy!
Who among us is dreaming more,
you or me?
Also I would like this joy, so sensual and childish.
How can I capture you?
Their happiness annoys me, it’s like a spit on the face.”
Oh Faust, don’t let yourself go
Oh Faust, don’t swallow the bait
Oh Faust, let love amaze you
Oh Faust, you are a dangerous weapon
Inspiration is Madness
Everything goes beyond everything
Life means to forget continuously
To ignore is to love
To be able to love you should forget that you are Faust, The Thinker.
“Oh Mary and your love is cold,
it’s so easy to love when you tell love.
I’d like to love a bit and to feel
Oh hatred, you at least, come gladden me.
I am the secluded, the excluded, the obscure.
Every man has the truth without knowledge.
I drank from the cup of thought,
I felt horror and I didn’t understand anything.”
---
Si perde in una lettura frenetica dei libri della conoscenza
ha un solo scopo: salire al mistero.
L'allegria è uno stupido insulto.
Udir qualcuno ridere, gli riempie l'anima amara
“Oh pover uomo, tanto comune quanto felice!
Chi sogna di più,
tu o Io?
Vorrei anche Io questa felicità, così sensuale e infantile.
Come posso catturarti?
La loro allegria mi infastidisce, è come uno sputo in faccia.”
Oh Faust, non lasciarti andare
Oh Faust, non cascarci
Oh Faust, lascia che l'amore ti sorprenda
Oh Faust, sei un' arma pericolosa
È Follia l'ispirazione
Tutto trascende tutto
La vita è un dimenticarsi continuamente
Ignorare è amare
Per poter amare sarebbe necessario scordare che sei Faust, il Pensatore.
“Oh Maria e il tuo amore freddo,
così facile è amare quando si racconta dell'amore.
Vorrei un po' amare e sentire
Oh odio, rallegrami almeno tu.
Sono l'appartato, l'escluso, l'oscuro.
Ogni uomo possiede la verità senza coscienza.
Ho bevuto il calice del pensiero,
ho provato orrore e non ho capito un bel niente.”
Track Name: Il rimorso
LYRICS:
Remorse, takes you from behind
lives in the shadow, it’s a game in time
it rapes you in the ego, consumes your mystery
it’s a match that is lost from the beginning,
remorse despairs me
“What (the hell) should I do, maybe make her fade away?
What should I do, my hands are trembling.
What should I do, I’m wrapped in its dirt.”
Remorse weighs as a rock on the back
as arrows in the abdomen
the martyrdom of a hyena
remorse is a mournful shout
you cannot live with remorse.
“I can’t make it, my mind is against me.
No, I’m not able to do it, I’d shoot myself.
I can’t make it! Remorse pierced me!”
---
Il rimorso, ti prende alle spalle
vive nell'ombra, è un gioco nel tempo
ti violenta nell'ego, ti logora il mistero
è una partita già persa,
il rimorso mi dispera
“Cosa (diavolo) devo fare, farla sparire?
Cosa devo fare, ho le mani che mi tremano.
Cosa devo fare, ormai ne sono sporco.”
Il rimorso ti pesa come un masso sulla schiena
come frecce nel ventre
il martirio di una iena
il rimorso è un grido lugubre
non puoi vivere col rimorso.
“Non ce la faccio, la mia mente è contro di me.
No, non sono in grado, mi sparerei.
Non ce la faccio! Il rimorso mi ha perforato!”
Track Name: Le streghe
LYRICS:
The old witches, the witches of the day, beautiful girls, amazing bitches.
People is sure that witches do exist, they shoot in the vacuum they fall in a ditch.
Oh well, they’re right, the witches are coming back, they have always been there, witches are ruling!
The witches, the witches, the witches are coming!
Valleys in the fog, a pale mist, fading lamps, salt is expensive.
Blaspheme laughs, moral curfew, I can hear the first steps, you idiot and your bloody murals.
People tries to escape, runs and screams, takes refuge at home, sits on the sofa and turns the television.
The witches, the witches, the witches are coming!
They are here, in line like drunkards, all of them good people, that harms the community.
Ignorant paparazzi, renowned journalists, rascal hacks, fake altruistic communists,
millionaire players and their presidents, bombastic musicians and their talent-shows,
mistreated animals, suspicious animal activists, let’s think the name of the party and I don’t care about the rest.
Distracted doctors, insalubrious newscast, made up flues and that dickhead on tv,
pedophile priests, let them exorcise their own fucking ass.
Supportive presidents and crying mothers, fascists in fact but not so with their names;
“corona”, you are a self-made, a shit-made.
They surrounded us by now, too many to burn them, just they are commanding we are just test subjects.
The witches, the witches, the witches are not leaving.
---
Le streghe di una volta, le streghe di oggi, belle ragazze, stupende puttane.
La gente è convinta che esistan le streghe, sparano nel vuoto finiscono in un fosso.
Peccato, c’han ragione, le streghe stan tornando, ci son sempre state, son le streghe che comandano!
Le streghe, le streghe, arrivano le streghe!
Valli nella nebbia, foschia un po’ sbiadita, lampioni che si spengono, il sale costa caro.
Risate blasfeme, coprifuoco morale, sento i primi passi, coglione tu e i murales.
La gente fugge, scappa urlante, si rifugia in casa, si siede sul divano e accende il digitale.
Le streghe, le streghe, arrivano le streghe!
Eccole arrivate, in fila come beoni, tutta brava gente che nuoce la comunità.
Paparazzi ignoranti, giornalisti di nome, politicanti birbanti, comunisti altruisti finti,
giocatori miliardari e i loro presidenti, musicisti costruiti e i loro talent show,
animali maltrattati, animalisti diffidenti, pensiamo al nome del partito e del resto non me ne frega niente.
Medici un po’ distratti, telegiornali malsani, influenze inventate e lo stronzo alla tv,
i preti pedofili, che si esorcizzino il loro di culo.
Presidenti solidali e mamme piangenti, fascisti di fatto ma non di nome;
corona, ti sei fatto tutto da te, ti sei fatto tutto di merda.
Ormai ci han circondato, troppe da bruciare, sono loro che comandano noi siamo solo cavie.
Le streghe, le streghe, non se ne vanno.
Track Name: Giuda o la notte della Luna vergine
LYRICS:
Judas Iscariot
all the others, they are no less so
Your dirty tongue
Repents of her sins.
The deal of your life
At a hair’s breadth away
Your value
For your betrayal
Smell what a scent, the scent of The Moon this night
Humanity stinks of falsity
Everyone, you too
Miserable beings.
-I’d like to play Devil’s advocate.-
-I’d like to grow rich with other people’s disgrace.-
-I’d like the power, to pretend to be pure in front of the people.-
-I steal from the rich ones to keep everything for me, I am the modern Robin Hood.-
“Poor idiots, they don’t know they will be manure for the winter.”
You can’t change the history,
you must betray him to teach.
To teach nothing.
A few coins,
At a hair’s breadth away
From determining the history.
«He asked it to me
I’ve done it for you.
It has shown to you the human stupidity.»
If I was God
I wouldn’t bear with it at all
I’d invent a new moral from the beginning
And I’d make the trumpets play
for the Universal Judgment.
And God’s snaps
Stick everyone to the wall indeed.
---
Giuda Iscariota
tutti gli altri, non sono da meno
la tua lingua sporca
si pente.
L’affare della tua vita
a un passo
Il tuo valore
per il tradimento
Senti che odore la Luna questa sera
Gli uomini puzzano di falsità
Tutti, pure voi
esseri meschini.
-Vorrei fare l’avvocato del diavolo.-
-Vorrei arricchirmi con le disgrazie altrui.-
-Io vorrei il potere, fingermi puro di fronte al popolo.-
-Io rubo ai ricchi per tenermi tutto, sono il Robin Hood moderno.-
“Poveri coglioni, non sanno che saranno concime per l'inverno.”
Non puoi cambiare la storia,
devi tradirlo per insegnare.
Insegnare il nulla.
Pochi spiccioli,
ad un passo
dallo scrivere la storia
«Me l’ha chiesto lui
Io l’ho fatto per voi.
Vi ha dimostrato la stupidità umana.»
Io se fossi Dio
non avrei proprio più pazienza
inventerei di nuovo una morale
e farei suonare le trombe
per il Giudizio universale.
E gli schiaffi di Dio
appiccicano al muro tutti.