Giacomo Marighelli

by Margaret Lee

/
  • Immediate download of 11-track album in the high-quality format of your choice (MP3, FLAC, and more), plus unlimited streaming via the free Bandcamp app.

     €9 EUR  or more

     

1.
03:44
2.
3.
04:18
4.
02:43
5.
6.
03:46
7.
8.
03:23
9.
10.
11.
13:00

about

credits

released 31 October 2013

***
CREDITS:
Music and lyrics: Giacomo Marighelli

Guitars, bass, noises and vocals: Giacomo Marighelli

Drums: Luca Ciriegi

Gong in Il tempo è un ladro/Time is a thief: Mario Montalbano

Voice in the end of Perdono/Forgiveness: Alejandro Jodorowsky
taken from his interpretation of his own poem “Por Osmar”

In the ghost track:
Gong: Mario Montalbano
Voice and ॐ : Esma
ॐ and interpretation of the poem “Cenere”: Giacomo Marighelli
“Cenere” is taken from the book “Sacro col Profano” written by Giacomo Marighelli

Recorded in La Cantina Appena Sotto La Vita and Animal House Studio

Mixed in Animal House Studio - Ferrara by Federico Viola

Artistic and executive producer: Giacomo Marighelli = MargaretLee

Photography: Matteo Farolfi

Artwork and design: Eugenio Squarcia – ESMA Creative Studio

Special thanks to:
all the collaborators above mentioned, Anja Rossi, Natasa Nikolajevic, Kristina Licio and James Bianchi, Rita Bertoncini, Luca Martelli, my parents and my brother, the Mit surprise konzert.
---
Testi e musiche di Giacomo Marighelli

Chitarre, bassi, rumori e voci di Giacomo Marighelli

Batterie di Luca Ciriegi

Gong in Il tempo è un ladro di Mario Montalbano

Voce nel finale di Perdono di Alejandro Jodorowsky
tratta dall'interpretazione della sua poesia “Por Osmar”

Nella traccia fantasma:
Bagno di Gong di Mario Montalbano
voci varie e ॐ di Esma
ॐ e interpretazione di Cenere di Giacomo Marighelli
Cenere è tratta dal libro “Sacro col Profano” di Giacomo Marighelli

Registrato tra La cantina appena sotto la vita e Animal House Studio

Mixato e masterizzato a Animal House Studio di Ferrara da Federico Viola

Produzione artistica ed esecutiva di Giacomo Marighelli = Margaret Lee

Fotografie di Matteo Farolfi

Grafica di Eugenio Squarcia – ESMA Creative Studio

Un grazie speciale a:
tutti i partecipanti e collaboratori già sopra citati, Anja Rossi, Natasa Nikolajevic, Kristina Licio e James Bianchi, Rita Bertoncini, Luca Martelli, i miei genitori e mio fratello, il Mit surprise konzert.

www.margaretlee.it

2013

VIDEOCLIP:
Il tempo è un ladro: youtu.be/VXk2H507XII
Zapoleti: youtu.be/3ulQAUDOkw4
Perdono: youtu.be/dlogfuln51Y
Baby non preoccuparti, ti proteggo io: youtu.be/ik_OzmTduxw

tags

license

all rights reserved

feeds

feeds for this album, this artist
Track Name: Baby
LYRICS:
Ecco il tempo che fugge,
nel suo decreto di legge,
deve passare e condurre
alla mia decomposizione.
Hei tu lì,
che mi guardi e mi deridi,
la tempesta scioglie il ventre.
La mia baby sta ballando.

Baby, baby, baby oh baby
Baby, baby, ba-by

Il bianco mi ricopre il viso,
la strada è solo noia e pazzia
ci conduce dritti, senza pensieri.
La morte è pura follia.
Baby perché non mi hai ascoltato,
son già morto per tua voglia,
e tu sei lì che mi deridi in eleganza
ed io a guardarti imbalsamato.

Baby, baby, baby oh baby
Baby, baby, ba-by

La violenza è un gioco pericoloso,
tu che hai smesso di giocare all'improvviso,
ti sei ritrovata scorticata
ed io appeso in un sorriso,
a peso morto di una trave
ed il filo della vita ritagliato
e il ritratto di noi due che ci baciamo.

Baby, baby, baby oh baby
Baby, baby, ba-by
Track Name: Il tempo è un ladro
LYRICS:
Lifeless
like the autumn leaves.
Do you remember love?
love and memories
Do you remember winter?
I do not feel cold anymore

Flowing time
The raining flowing time.
Arcanum.

Reaps the horror.
Gladdens the clamour.

And love that runs away

I find myself here, old...

With a skin made of modelling clay.

But I promise you
I will not cry today

I remember as it was yesterday
When you were still here

The stars, do you remember them when they never fell down?

Our car trips
Our young bodies

We have a list of thoughts
Many of them are still forgotten.

Time has robbed us
Time has carried you away

I’m just waiting for my time to come
To be able to fill it out.


My skeleton goes by himself
My cough can get worse

It often happens that I find
Two of us, in a pose black-and-white
Our skin was soft
Do you remember how we printed them?

I promise you I will not cry anymore
And that it will come my turn too.

Farewell.
---
Come d'autunno
le foglie
spento.
Ricordi l'amore
amore e ricordi
ricordi l'inverno
non sento più freddo.

Il tempo che scorre
Il tempo che scorre piovano.
Arcano.

Miete orrore
Allieta clamore

e l'amore, che fugge via

mi ritrovo qui vecchio

la pelle di pongo.

Ma ti prometto che oggi non piango

Ricordo come ieri
quando ancora c'eri

Le stelle le ricordi
quando non cadevano mai

I nostri viaggi in macchina
i nostri corpi giovani

Abbiamo una lista di pensieri
molti ancora dimenticati

Il tempo ci ha derubato
Il tempo ti ha rapito

Aspetto solo la mia ora
per poterla realizzare

Il mio scheletro va da solo
la mia tosse può avanzare

Accade spesso che ritrovo
noi due in posa in bianco e nero
La nostra pelle era soffice
ricordi come le abbiamo stampate?

Ti prometto che non piango più
e che anche toccherà a me.

Addio.
Track Name: Vedove nere
LYRICS:
Ecco lo stronzo all'arrembaggio
che si lancia sulle strisce pedonali
in sella alla bicicletta
e mi viene da urlare
che ci sono le strisce
le strisce le strisce e e e.
E allora ripenso alla mia reazione
e mi viene voglia di chiedere scusa
basandomi sui concetti jodorowskyani
di amore armonia di abbracci e di fiori
ma mi sale il dubbio e mi chiedo come fare
con certe persone con certe persone.
Forse sono io cattivo nonostante l'impegno
e allora penso alle vedove nere
che non hanno nulla da perdere
e di fronte al nulla c'è poco da scherzare
e si fanno esplodere senza risparmiare.
E allora penso
che c'è un limite a tutto
ai disgraziati esplosi
non bastano come scuse la vita di un egoista.

¿Como puedo hacer,
querido Alejandro,
para poder amar
y saber perdonar?

Ci mancava solo che durante i miei pensieri
sento il governo che spara tasse e bombe
sui pensionati.
Nunca sabré lo que es la jubilaciòn.
E intanto fuori dall'Italia
esplode il putiferio
e mi accorgo che in Grecia è caduto il governo
e che lo stato perdona gli intoccabili
e non perdona i perdonabili.

Abbiamo dimenticato,
che in questo porco mondo,
c'è chi canta dell'amore
e chi spara al migliore.

Il terzo servizio del telegiornale
parla di cani gatti vacche e sfilate di moda
e mi chiedo perché non dicono nulla
del ragazzo ucciso dalla polizia.

¡Yo me pregunto como hacer!
Saranno i caffè,
caro Alejandro,
ma certe persone
non riesco a digerirle.
Me gustaría perdonar.
Track Name: Sigfrido
LYRICS:
Avevi ragione Giacomo.
Il bambino nasce già nella tristezza.
La prima cosa che deve fare per la sopravvivenza è piangere.
E noi siamo qua che ridiamo ridiamo!
Una volta era divertente ridere.
Almeno ti vedevo sorridere.
Come il bimbo ripiango nel limbo.
Il limbo!
Puzza il mio limbo.
Ma in paradiso c'è la nicotina?
O solo foglie secche e catrame.
Quanto l'acqua ancora deve trafiggermi la schiena?
Non mi va via lo sporco.
E mi baci come morto.
Stenderemo il bucato sulla linea Sigfrido o O o.
Era bello cantarlo piangendo.
Tornavo bambino.
Merda merda merda!
Solo merda nel cervello.
Forse i cattivi non piangono.
Forse io non sono un uomo.
Achtung! Wstawać! Arbeit macht frei!
Ti ricordi come è il sole?
Forse confondo con l'occhio di dio.
Ricordo solo che mi tagliava.
Ma era come il tuo sorriso.
E ridevo gaudio e liso.
Track Name: Non c'è tempo
LYRICS:
Non c'è tempo per ammalarti
Non c'è tempo per scandalizzarti
Non c'è tempo per ubriacarti
Non c'è tempo per sognarti
Non c'è tempo per asciugarti
Non c'è tempo per amarti
Non c'è tempo per balenarti
Non c'è tempo per ascoltarti
Non c'è manco il tempo per odiarti
Non c'è tempo per osservarti
Non c'è tempo per abbracciarti
Non c'è tempo per scusarti
Non c'è tempo per baciarti
Non c'è tempo per abusarti
Non c'è tempo per sgridarti
Non c'è manco il tempo per rimpiangerti
Non c'è tempo per biasimarti
Non c'è tempo per accarezzarti
Non c'è tempo per picchiarti
Non c'è tempo per scoparti
Non c'è tempo per perdonarti
Non c'è tempo per guardarti
Non c'è tempo per pregarti
Non c'è manco il tempo per salutarti
Track Name: Zapoleti
LYRICS:
Human egocentricity inanimates our bodies.
Man tends, tends, tends “at mine”
his own soul, first of all.
He would sell himself to be in the focus of attention.
Beauty ridiculed
we are all born great critics
we all belong to the intellectual elite
we are all ready to tease the other people
it's a challenge! A challenge!
First of all the Ego, then one's own, in the end, maybe, the other people.
It doesn't take much to move a tear, but a personal harm is necessary to move the body and the Ego.
If necessary they are all good friends of yours
like the church
like the famous ones
like your neighbour
like your dog.
Recently I can't stand nothing more.
Me, that I wasn't even born
Me, that I'm not able to write
Me, that I'm not able to speak
Me, that I deny the corruption
Me, that I have to learn how to live.
Yeah.
I'm very tired.
We should take life as a game,
like dogs.
As dogs.
We'd feel better
without thoughts.
Some people, instead, are dogs since their birth,
slave animals or animals enslaving themselves or the other ones.
It wouldn't take much for man to cling to his morals,
so much that he forget his morals.
Ideals sold to other people or even wasted.
We are so good to sing in tv programs
to investigate from our home
to talk of love
to look ourselves in the mirror
like nothing happened.
Like nothing
---
L'egocentrismo umano inanima i nostri corpi.
L'uomo tende, tende, tende “al mio”
la propria anima, prima di tutto.
Per essere il centro dell'attenzione si venderebbe.
La bellezza ridicolizzata
si nasce tutti grandi critici
facciamo tutti parte dell'intellighenzia
tutti pronti a sfottere il prossimo
è una gara! Una gara!
In primo piano l'Io, poi il proprio ed infine, forse, gli altri.
Per smuovere la lacrima ci vuole poco, per smuovere il corpo e l'Io, ci vuole un danno personale.
All'occorrenza sono tutti grandi amici
come la chiesa
come i grandi nomi
come il vicino di casa
come il proprio cane.
Ultimamente non reggo più niente, io.
Io che non sono neanche nato
Io che non so fare a scrivere
Io che non so parlare
Io che rinnego la corruzione
Io che devo imparare a stare al mondo.
Sì.
Io sono molto stanco.
Bisognerebbe prendere la vita come un gioco,
come i cani.
Da cani.
Si starebbe meglio
senza pensieri.
Certi invece sono già dei cani dalla nascita,
animali schiavi o animali che schiavizzano se stessi o gli altri.
Basterebbe poco all'uomo per rimanere fedele alle proprie morali, talmente poco che vengono dimenticate.
Ideali venduti agli altri o addirittura buttati nel cesso.
Siamo così bravi a cantare in tivù
a fare gli investigatori da casa
a parlare di amore
a guardarci allo specchio
come se nulla fosse.
Come se nulla
Track Name: Vedove bianche
LYRICS:
Eccone un altro
che si lancia all'arrembaggio
in un sorpasso dalla destra
mi viene voglia di urlargli dietro
ma questa volta mi trattengo
vedi Alejandro sto migliorando
ma continuo pensieroso
a chiedermi come fare
con certe persone, con certe persone.
Arrivo in uno spiazzo
e noto con clamore
un gruppo, sono donne vestite in bianco
sembrano fantasmi
che silenziosi cercano il loro compagno
allora mi viene in mente
quel corteo di papa boys
che a gran voce grida santo subito
alla morte di Wojtyla
non morti sul lavoro
ma morti per lavoro
così tutto tace
e i fantasmi nel vagare
muti impotenti
piangono la scomparsa dei reciproci fantasmi
non basta neanche più darsi fuoco per attirare l'attenzione
ma questo poco importa perché coloro che ci guidano
non avranno sonni facili con tutti quei fantasmi nella testa
Rimango sconfortato
nel vedere così poche persone
e allora mi chiedo dove sono i papa boys quando servono.
¡Yo me pregunto como hacer!
Me gustaría perdonar.
Track Name: La difesa
LYRICS:
Sono un tizio da montagna
non son fatto poi troppo male
le mie scarpe io ne son fiero
il mio cappotto è antigelo
io disdegno tutti gli altri
i loro sguardi mi spaventano
la mia fede è tanto forte
il mio ego un poco meno
con la fifa evito botte
e mi nascondo in un baleno
per noia chiamo qualcuno
e per dolore vado a puttane
al mio cuore io ci tengo
con una suola lo proteggo
con dei chiodi l'ho trafitta
così creo la mia difesa
e la tengo nel taschino
nel taschino fronte al cuore.
Non contento ho voluto
bagnare le punte di cianuro
così da fargliela pagare
a chi un pugno mi voleva dare.
In cinquanta anni di una vita
mai un pugno ho ricevuto
molti volti ho incrociato
e mille volte superato
forse loro lo sapevano
o forse io paranoico
ma son finito nel mio fallo
barcollando nel mio sacco
per errore toccai la tasca
confondendola per l'altra
in poco tempo son caduto
senza avere mai vissuto.
Track Name: Baby non preoccuparti, ti proteggo io
LYRICS:
There's something strange in the air
I rarely change my shoes
It will be the air of the winter
Certain people are scary
Oh baby don't worry, I'm going to protect you

At the café, I hear people’s voices
they shoot down the government
they slander their neighbours
they complain about their jobs
Oh baby don't be scared, I'm going to protect you

Slippery streets
I stay inside the café
With the overpriced coffee
if I could pay in snow
we'd all be so rich
Oh baby don't worry, I'm going to protect you

Flipping through newspaper pages
there's news on Ratzinger
he says that we are all equal to each other
but I'm sure that
he pays less for breakfast
Oh baby don't be scared, I'm going to protect you

I read: “Win a cruise”
and meanwhile
Italy is sinking on the tv screen
the captain is missing
Oh baby don't worry, I'm going to protect you

Where there is oil
dictators are shot
where there is nothing
all is left to chance
Oh baby don't be scared, I'm going to protect you

Showgirls' breasts
cheap hair set
struggle against cancer
crowded only mentioned
Oh baby don't worry, I'm going to protect you

They all talk about the mafia
Roberto talks about the mafia
the government talks about the mafia
but the government is the mafia
Oh baby don't be scared, I'm going to protect you

A new pair of slip-resistant shoes
It could be in my case
That Einstein is obsolete
Speed no longer counts
Oh baby don't worry, I'm going to protect you

The super star divorces
The bitch denounces him
It’s only the assets that matter
it's a race to be the one that knows more
Oh baby don't be scared, I'm going to protect you

Big rumble
it's an earthquake
i'm in a total panic
fortunately there is the government
they will protect us
Oh baby I'm not scared because you protect me

The Pope vs Dalai Lama
in competition to arrive first
the Pope gets a head start
but he's defeated
maybe because of his age
Oh baby don't be scared, I'm going to protect you

Einstein is on top again
the God particle is real
broken shoes
the factory I used to frequent no longer works
Oh baby don't worry, I'm going to protect you

Tobacco prices rise
I can't stand it anymore
thank you, government
smuggling saves money
Oh baby don't worry, because you don't smoke

We are all on a ferry
Acheronte is our guide
nobody knows the direction
I'm upset because I haven’t even one euro
and everybody knows: if you can't pay, you're Fucked.

I'm a little worried
for the animal that is man
doesn’t know where to go.
Me and my baby
are okay, we make do with love.
But it's important to remember
that for some people
love is nothing.
---
Tira un'aria un poco strana
è raro che io cambi scarpe
sarà l'aria dell'inverno
certa gente fa paura
Oh baby non preoccuparti ti proteggo io

Al bar sento voci
sparlano del governo
infamano il vicino
del lavoro si lamentano
Oh baby non aver paura ti proteggo io

Per le strade si scivola
rimango ancora dentro il bar
il caffè costa un rene
se si pagasse con la neve
saremmo tutti quanti ricchi
Oh baby non preoccuparti ti proteggo io

Sfoglio un quotidiano
notizia su Ratzinger
dice che siamo tutti uguali
ma io sono certo che
la colazione non la paghi come me
Oh baby non aver paura ti proteggo io

Leggo: “Vinci viaggio in crociera”
e intanto in tv l'Italia affonda
il capitano non si trova più
Oh baby non preoccuparti ti proteggo io

Dove c'è petrolio
i dittatori sono fucilati
dove non c'è niente
si lascia tutto al caso
Oh baby non aver paura ti proteggo io

Seni di veline
messa in piega conveniente
lotta contro il cancro
affollati solo citati
Oh baby non preoccuparti ti proteggo io

Si parla di mafia
Roberto parla di mafia
lo stato parla di mafia
quando lo stato è mafia
Oh baby non aver paura ti proteggo io

Nuove scarpe antiscivolo
farebbero al caso mio
Einstein è superato
la velocità non conta più
Oh baby non preoccuparti ti proteggo io

La super star divorzia
la troia lo denuncia
è il patrimonio ciò che conta
si fa la gara a chi ne sa di più
Oh baby non aver paura ti proteggo io

Grande rombo
c'è il terremoto
sono nel panico totale
per fortuna c'è il governo
che ci proteggerà
Oh baby non ho paura perché mi proteggi tu

Papa contro Dalai Lama
la gara a chi arriva prima
il papa parte avvantaggiato
ma viene sconfitto
sarà colpa dell'età
Oh baby non aver paura ti proteggo io

Einstein torna in vetta
la particella di Dio è reale
le mie scarpe son tutte rotte
la fabbrica in cui andavo non c'è più
Oh baby non preoccuparti ti proteggo io

Il tabacco aumenta di prezzo
non ci sto più dentro
governo io ti ringrazio
risparmio col contrabbando
Oh baby non preoccuparti, anche perché tu non fumi

Siamo tutti su un traghetto
Acheronte è la nostra guida
La direzione nessuno la sa
Sono agitato perché con me non ho neanche un euro
ed è risaputo: se non paghi rimani a Fanculo.

Sono un poco preoccupato
per l'animale che è l'uomo,
non si sa dove andrà a finire.
Io e il mio baby
stiamo bene, ci accontentiamo
dell'Amore.
Bisogna però ricordarsi che
a certe persone dell'Amore
non importa niente.
Track Name: L'uomo masochista
LYRICS:
L'uomo è masochista,
è meccanico.
C'è poco da fare.
La sofferenza gli si addice.
È un osservatore mancato,
l'uomo banale.
È chiaro che l'ingenuità è un difetto che puzza.
Io puzzo ad esempio.
Crea, monopolizza, illude e si distrugge.
Senza il sangue l'uomo non sarebbe l'animale
bugiardo sporco vigliacco infame
che è.
Ogni scusa è buona per rubare agli altri un pezzo di dignità.
Questi grandi marchi,
ai quali noi ci affidiamo, sono croste della terra.
Forse piccoli tumori.
Lasciano il segno.
E noi ci affidiamo a loro.

Lasciamo da parte la ragione
e ci mettiamo a danzare
assieme a questo sviluppo
privo di progresso
e con gli occhi chiusi continuiamo
in questo ritmo tribale.
Cresce la paura.
È straordinariamente facile fare il superiore su ogni cosa di giorno,
ma di notte è un'altra faccenda.
La bestia notturna.
Questi mattoni
che ci proteggono dal buio,
vedono tutto.
Il feticismo dell'oggetto.
L'uomo non impara,
ma per i suoi interessi disimpara.
Basta poco per rendersi conto,
il sangue bellico del proprio egoismo.
La chiesa peggio di Hitler.
I diavoli di Loudun ne sanno qualcosa.
Le lenzuola diventano il nostro rifugio,
e con gli occhi spiamo.
Ogni tanto si intravvede una luce,
dagli scuri. Chiusi.
Allora finisce che io mi siedo ad una sagra del paese,
mi guardo attorno,
vedo bambini correre,
sorridenti,
e capisco che sto bene.
Track Name: Perdono
LYRICS:
Men are not able to thank
They should learn to appreciate
I saw children play
The mountains dawn
And how much
Nature has given us
The incapable
Who killed the young man inside
Spit on my face
The sea, the swallows, the paper castles
How much useless blood still flows
The powertempts you
I watch a bird singing in the woods
The evening coming
A fire lighting up
Thousands of battles in vain
I observe you in front of the mirror
My tears fall down
And beg for forgiveness

I thank my parents
I beg my father and mother for forgiveness
I thank the universe
And the desire for love
I turn poetry into life.

ASH
AAAAAHH!
AAAAAHH!
SHIT SHIT
AAAAHH!
I hold you tight excitement
I hold you tight in my bowels
and do not let slide diwn.
With the head in this world
you walk
Mrs Worm
have a look over there.
This ash,
I am like ash
and my ash is worthwhile.
Do not loose me at all
on the glare, my dear hyena
Holy Holy God
my hunger has no fame
Holy holy holy, what the fuck!
This ash flies away
follow the wind and keep up with the pace.
Worms on ash
from the stomach of sheets of paper
you evolve and change
but you change and die.
Embrace me Ocean
embrace the nails of my steps
which I plunge into the ground
this wind is lethal
God, oh God
what a smell!
I hold the noise
and I regret it
you can feel things
but it's always too late
God oh God
how much do I deserve to be punished
my tears are like a rumble
and trepidation is like clamour
I kiss you dear God
only you, my Inner self.
These nails are so long
i'm now obliged to cut them.
Replunging them is not easy
it's about time to grow up.
I'm lame
but you can evolve
and my bone can be brand new.
Oh my dear Evil
I'll steal your stick
which nobody has ever dared to steal
and by doing it
I deride you.
I break it down with disdain
and burn it in my temple.
---
L'uomo non sa fare a ringraziare
dovrebbe imparare ad apprezzare
Ho visto bambini giocare
monti albeggiare
quanto ancora
la natura ci ha regalato
L'uomo incapace
che ha ucciso il giovane in lui
mi sputa in faccia
Il mare, le rondini, castelli di carta
quanto sangue ancora inutile scorrere
Il potere fa gola
guardo un uccello che canta nel bosco
la sera arrivare
il fuoco accendere
Mille battaglie nel vuoto
ti osservo fronte lo specchio
il mio pianto scende a valle
e chiede perdono.

Ringrazio i miei genitori
chiedo perdono al padre e alla madre
Ringrazio l'universo
e alla voglia di amare
Trasformo la poesia in vita

CENERE
AAAAAHH!
AAAAAHH!
MERDA MERDA
AAAAHH!
Ti stringo emozione
Ti stringo nel ventre
e non lascio scivolare.
Coi piedi le radici
si cammina con la testa
in questo mondo
Mrs Verme
guarda un po' chi c'è la giù.
Questa cenere,
sono cenere
la mia cenere crea che conviene.
Mica perdermi
nel riflesso cara iena
Santo Dio
la mia fame non è fama
Santo Santo Santo sto cazzo!
Vola via questa cenere
segui il vento e tieni il passo.
Vermi su ceneri
dallo stomaco del figlio
si evolve e si cambia
ma si cambia se si muore.
Oceano accoglimi
accogli le unghie dei miei passi
le conficco nel terreno
questo vento è micidiale
Dio Dio
quanto puzzi
mi tappo il naso
e me ne pento
si nasano le cose
ma è sempre troppo tardi
Dio Dio
quanto ancora devi punirmi
il mio pianto è pari al rombo
e il tremore come il clamore
ti bacio Dio mio
solo tu il mio Interiore.
Queste unghie così lunghe
ora costretto dovrò tagliarle.
Riconficcarle non è facile
e tempo per crescere.
Sono zoppo
ma ci si evolve
e il mio osso può essere nuovo.
Diavolo mio
ti rubo il bastone
che nessuno prima ha mai osato toccare
lo spezzo con disprezzo
e ti derido nel farlo.
Lo spezzo con disprezzo
e lo brucio nel mio tempio.